Horizon 2020 Bando COST. Contributo a fondo perduto fino a 130.000 € per sostenere la cooperazione scientifica e tecnologica.

La COST (Cooperazione europea nel settore della scienza e della tecnologia) riunisce ricercatori ed esperti in vari Paesi che lavorano su temi di ricerca. Essa finanzia la messa in rete di attività di ricerca realizzate con fondi nazionali, sostenendo attività quali riunioni, conferenze, scambi scientifici a breve termine, scuole di formazione e attività di divulgazione. La COST non finanzia, quindi, progetti di ricerca in quanto tale, piuttosto si propone di incentivare reti di ricerca nuove, innovative e interdisciplinari in Europa.

La COST riunisce ricercatori europei, ingegneri e studiosi di diversa COST paesi a sviluppare congiuntamente le proprie idee e nuove iniziative in tutti i scienza e della tecnologia campi attraverso la cooperazione transeuropea.

Soggetti beneficiari

IL programma COST è rivolto a ricercatori, ingegneri e studiosi provenienti dai Pesi membri del COST. Possono essere presentate proposte progettuali in qualsiasi campo scientifico e tecnologico, incluse le scienze umane. Le proposte devono coinvolgere ricercatori di almeno cinque dei 35 Paesi membri di COST o di Stati con rapporto di cooperazione.

Tipologia di spese ammissibili

COST supporta i seguenti strumenti di networking: incontri, conferenze, workshop, scambi scientifici a breve termine, le scuole di formazione e divulgazione.

Entità e forme dell’agevolazione

Le proposte selezionate per azioni COST riceveranno un sostegno finanziario nel campo di euro 130.000 all’anno,
normalmente per quattro anni, fatto salvo il budget a disposizione.

Scadenza

La prossima scadenza è prevista per il 9 febbraio 2016.

CCIAA Firenze: Contributo a fondo perduto fino al 100% per la promozione dei prodotti a filiera corta

La Camera di Commercio di Firenze nell’ambito delle proprie strategie promozionali finalizzate allo sviluppo del settore agricolo ha stanziato la somma complessiva di € 80.000,00 destinati al finanziamento degli eventi e delle iniziative promozionali della filiera corta e alle iniziative didattiche per la promozione dei prodotti a filiera corta negli istituti scolastici della provincia.

Soggetti beneficiari

Possono beneficiare dell’intervento camerale le associazioni riconosciute e non riconosciute del settore agricolo, le organizzazioni di produttori del settore agricolo riconosciute (OP) e i consorzi del settore agricolo, con sede legale e/o operativa nella città metropolitana di Firenze.

I soggetti richiedenti non obbligati all’iscrizione al  Registro Imprese o al Repertorio Economico Amministrativo (REA) della Camera di Commercio di Firenze devono essere, al momento della presentazione della domanda di contributo, già legalmente costituiti con un atto costitutivo ed avere un proprio statuto vigente nonché essere regolarmente iscritti presso la competente Agenzia delle Entrate.

Per i soggetti richiedenti obbligati all’iscrizione al Registro delle Imprese o al Repertorio Economico Amministrativo (REA) della Camera di Commercio di Firenze, dovranno ricorrere i seguenti presupposti che dovranno sussistere fino all’erogazione del contributo, in caso di perdita dei requisiti:

  • essere attivi;
  • avere sede legale e/o operativa nella città metropolitana di Firenze, iscritta al Registro delle Imprese di Firenze;
  • essere in regola con il pagamento del diritto annuale;
  • non soggetti alle procedure concorsuali.

Tipologia di spese ammissibili

I soggetti possono presentare domanda per le seguenti tipologie di spesa, sostenute nell’anno 2015:

  1. Spese relative ad iniziative/eventi promozionali di filiera corta (a titolo esemplificativo e non esaustivo: costi per allestimento stand, disallestimento stand, noleggio attrezzature, suolo pubblico, pubblicità su radio, stampa e tv, grafica e stampa di opuscoli promozionali, volantini e manifesti, banner su internet, analisi di mercato e studi di fattibilità, spese per acquisti di beni strumentali strettamente inerenti all’iniziativa, ecc.);
  2. Spese per l’organizzazione di iniziative didattiche per la promozione dei prodotti a filiera corta negli istituti scolastici della provincia di Firenze (a titolo esemplificativo e non esaustivo: spese per la docenza, spese per la stampa di materiale promozionale, ecc.);

Sono ammissibili le spese sostenute nell’anno 2015 per iniziative attivate dall’1 Gennaio 2015 ed ancora in corso alla data di approvazione del presente disciplinare (6/11/2015) o relative alle iniziative ancora da attivare ma da concludersi entro il 31 Dicembre 2015.

Entità e forma dell’agevolazione

L’intervento della Camera di Commercio consiste in un contributo pari al 100% delle spese sostenute, per progetti con un minimo di spesa di € 5.000,00.

Le spese sostenute e ammesse al contributo sono da intendersi al lordo di Iva qualora il richiedente sia ente non commerciale e non svolga attività in regime d’impresa. Le spese dovranno intendersi al netto di Iva se il richiedente, sia esso ente commerciale o non commerciale, svolga l’attività in regime di impresa.

I soggetti potranno presentare una sola istanza di contributo. Il contributo massimo spettante ad ogni soggetto è pari ad € 25.000,00.

Scadenza

31.12.2015

MIBACT: Contributo a fondo perduto per promozione e sviluppo di reti di impresa operanti nel settore del turismo

E’ stato pubblicato l’ “Avviso relativo alla concessione di contributi a favore delle reti di impresa operanti nel settore del Turismo”.

Il presente bando è finalizzato a promuovere e sostenere i processi di integrazione tra le imprese turistiche attraverso lo strumento delle reti di impresa, con l’obiettivo di supportare i processi di riorganizzazione della filiera turistica, migliorare la specializzazione e la qualificazione del comparto ed incoraggiare gli investimenti per accrescere la capacità competitiva ed innovativa dell’imprenditorialità turistica nazionale, in particolare sui mercati esteri.

Soggetti beneficiari

Possono beneficiare dell’intervento finanziario unicamente le imprese aderenti all’aggregazione che, al momento della presentazione della domanda a valere sul presente bando, risultino come di seguito dettagliato:

  • raggruppamenti di piccole e micro imprese con forma giuridica di “contratto di rete”
  • raggruppamenti di piccole e micro imprese che possono assumere la forma giuridica di ATI (Associazioni Temporanee di Imprese costituite), Consorzi e Società consortili costituiti anche in forma cooperativa
  • per le aggregazioni non ancora costituite il legale rappresentante dovrà sottoscrivere l’impegno a costitituire formalmmente l’aggregazione.

Alla data di presentazione della domanda, tutte le imprese dell’aggregazione che partecipano per beneficiare del contributo devono possedere i seguenti requisiti:

  • appartenenza alla categoria delle micro, piccole imprese
  • avere sede operativa in Italia
  • essere iscritte al registro delle imprese (REA) al  momento della presentazione della domanda di contributo
  • essere in attività
  • non trovarsi in difficoltà
  • aver effettuato regolarmente i versamenti contributivi previdenziali
  • risultare autonome tra di loro

Alla data di presentazione della domanda, le aggregazioni devono possedere i seguenti requisiti:

  • essersi costituite con atto antecedente alla data di presentazione della domanda o, per le aggregazioni non ancora costituite, il legale rappresentante dovrà sottoscrivere l’impegno a costituire formalmente l’aggregazione
  • partecipazione all’aggregazione di un numero minimo di 10 piccole e micro imprese
  • almeno l’80% delle imprese partecipanti alla rete devono essere imprese turistiche

Tipologia di iniziative ammissibili

Sono ammissibili proposte progettuali che prevedano spese complessivamente non inferiori a euro 400.000,00.

In particolare, i progetti dovranno prevedere una o più delle seguenti attività:

  • iniziative volte alla riduzione dei costi delle imprese facenti parte della rete attraverso: la messa a sistema degli strumenti informativi di amministrazione, di gestione e di prenotazione dei servizi turistici, la creazione di piattaforme per acquisti collettivi di beni e servizi;
  • iniziative che migliorino la conoscenza del territorio a fini turistici con particolare riferimento a sistemi di promo-commercializzazione on line;
  • implementazione di iniziative di promo-commercializzazione che utilizzino le nuove tecnologie e, in particolare, i nuovi strumenti di social marketing;
  • sviluppo di iniziative e strumenti di promo-commercializzazione condivise fra le aziende della rete finalizzate alla creazione di pacchetti turistici innovativi;
  • promozione delle imprese sui mercati esteri attraverso la partecipazione a fiere e la creazione di materiali promozionali comuni.

Tipologia di spese ammissibili

Saranno dichiarate ammissibili le spese sostenute a decorrere dal 1 maggio 2014 (fino ad un importo massimo del 20% del contributo richiesto) e le spese sotenute a decorrere dall’accettazione della notifica di concessione e riconducibili a una o più delle seguenti tipologie:

  • i costi funzionali alla costituzione della rete di imprese, quali quelli riferiti alla presentazione di fidejussioni, spese notarili e di registrazione, nella misura massima del 5% del contributo richiesto;
  • costi per tecnologie e strumentazioni hardware e software funzionali al progetto di aggregazione;
  • costi di consulenza e assistenza tecnico-specialistica prestate da soggetti esterni alla aggregazione per la redazione del programma di rete e sviluppo del progetto nella misura massima del 10% del contributo;
  • costi per la promozione integrata sul territorio nazionale e per la promozione unitaria sui mercati internazionali, in particolare attraverso le attività di promozione dell’ENIT – Agenzia Nazionale del Turismo;
  • costi per la comunicazione e la pubblicità riferiti alle attività del progetto;
  • costi per la formazione dei titolari d’azienda e del personale dipendente impiegato nelle attività di progetto, nella misura massima del 15% del contributo.

Entità e forma dell’agevolazione

La dotazione finanziaria complessiva è pari a euro 8.000.000,00.

L’importo concedibile è fissato in euro 200.000,00 per ciascun progetto di rete. ll finanziamento sarà concesso a fondo perduto nel rispetto del regime degli aiuti “de minimis”.

Scadenza

E’ possibile presentare domanda di contributo a partire dalle ore 10.00 del 14 dicembre 2015 fino alle ore 16.00 del 15 gennaio 2016.

Toscana: Fondo per giovani professionisti

La Regione Toscana nell’ambito del progetto GiovaniSì sostiene e sviluppa l’innovazione delle attività dei giovani professionisti.

In particolare, istituisce un apposito Fondo di garanzia quale strumento di agevolazioni finanziarie per i giovani professionisti e per interventi innovativi proposti da Ordini o Collegi ed Associazioni professionali anche di secondo grado.

Nell’ottica di rendere più agevole l’accesso al credito e consentire uno sviluppo efficace delle attività professionali, affianca alla misura della garanzia, per l’anno 2015, il contributo in conto interessi quale nuovo intervento di sostegno riservato agli esercenti la pratica o il tirocinio professionale ed ai giovani professionisti.

Soggetti beneficiari

Possono beneficiare della garanzia e del contributo in conto interessi i giovani professionisti o gli esercenti la pratica o il tirocinio professionale che hanno domicilio professionale prevalente in Toscana e che alternativamente sono:

  • iscritti in albi o elenchi o registri tenuti da Ordini o Collegi professionali
  • iscritti ad associazioni o fondazioni con personalità giuridica, espressione di professionisti prestatori d’opera intellettuale che esercitano professioni non ordinistiche.

Possono beneficiare della sola garanzia gli Ordini e Collegi professionali o Associazioni professionali, anche di secondo grado, aventi sede legale in Toscana.

Tipologia di progetti ammissibili

La garanzia e il contributo in conto interessi possono essere richiesti per:

– prestiti d’onore a favore di esercenti la pratica o il tirocinio professionale e per gli appartenenti alle associazioni di professionisti prestatoti d’opera intellettuali, di età non superiore ai trenta anni per l’acquisizione di strumenti informatici

– prestiti ai giovani con età inferiore a quaranta anni, finalizzati al supporto alle spese di impianto dei nuovi studi professionali, mediante:

  • progetti di avvio e sviluppo di studi professionali, con priorità per quelli organizzati in modo associato o intersettoriale tar giovani professionisti
  • programmi per l’acquisizione di beni strumentali innovativi e tecnologie per l’attività professionale, in coerenza con le iniziative regionali di sviluppo e standardizzazione delle tecnologie dell’informazione e della conoscenza
  • progetti finalizzati a garantire la sicurezza dei locali in cui si svolge l’attività professionale

Entità e forma dell’agevolazione

Le agevolazioni finanziarie possono riguardare prestiti o fiannziamenti di durata non inferiore ai 18 mesi e non superiore a 60 mesi e per un importo massimo complessivo per professionista, o soggetto giuridico ammesso, di:

  • a) 4.500,00 € per i prestiti d’onore per l’acquisizione di strumenti informatici
  • b) 13.500,00 € per i prestiti relativi alle spese di impianto di nuovi studi professionali, anche online
  • c) fino a 50.000,00 € per il finanziamento di progetti innovativi per la migliore strutturazione ed organizzazione di Ordini, collegi o associazioni
  • d) fino a 100.000,00 € per il cofinanziamento di quote di progetti europei o azioni o attività che innovino i servizi professionali verso gli utenti

La garanzia è rilasciata a favore dei soggetti finanziatori per un importo massimo garantito pari:

  • all’80% dell’ammontare delle operazioni finanziarie di cui alle precedenti lettere a) e b)
  • al 60% dell’ammontare delle operazioni finanziarie di cui alle precedenti lettere c) e d)

Il contributo in conto interessi è concesso in misura pari al 100% dell’importo degli interessi gravanti sul finanziamento garantito ed è calcolato in via provvisoria su un piano di ammortamento teorico, con rientri rateali mensili, in base all’importo e durata del finanziamento garantito ed al tasso di interesse massimo stabilito dal Protocollo e attualizzato alla data di concessione dell’agevolazione.

Bando “GaranziaHack”. Contributo a fondo perduto fino a 10.000,00 € per l’individuazione di un prototipo di APP nell’ambito del progetto Garanzia Giovani.

E’ stato pubblicato l’avviso per la partecipazione alla competizione app per la partecipazione alla competizione app per “GaranziaHack”.

L’avviso è finalizzato all’individuazione di un prototipo di APP che sfrutti i dati messi a disposizione dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali (MPLS) nell’ambito del sito www.garanziagiovani.gov.it .

Soggetti beneficiari

L’avviso è rivolto ai giovani di età compresa tra i 15 e i 29 anni, che abbiano aderito al programma “Garanzia Giovani” e siano stati presi in carico dal Servizio per l’Impiego competente alla data di presentazione della candidatura relativa al presente Avviso.

La candidatura ha carattere individuale o di gruppo (team). Potranno partecipare gruppi composti da giovani in possesso dei requsisiti, con un minimo di 2 fino ad un massimo di 5 partecipanti. Al momento della candidatura, dovrà essere designato un team leader a cui verranno destinate le informazioni operative e logistiche.

Possono candidarsi come HOST i soggetti che rientrano nelle seguenti categorie:

– incubatori certificati al registo delle Imprese

– Università, Consorzi universitari, Laboratori di ricerca Universitari e misti (universitari ed aziendali)

Il numero compessivo di HOST non potrà superare le 50 unità.

Tipologia di progetti ammissibili

Il prototipo di App, da realizzare nel corso dell’evento Garanziahack, dovrà basarsi sull’utilizzo di framework standard per mobile (che permettono di costruire le singole build per le varie piattaforme) e prevedere la progettazione di User Interface/User Experience. L’obiettivo del prototipo è l’implementazione delle modalità di accesso ai dati di www.garanziagiovani.gov.it, tra le quali si suggerisce:

  • Accedere a Curriculum e Vacancies nell’ambito di Garanzia Giovani;
  • Ricavare informazioni geolocalizzate e visualizzate su mappa in relazione alla vicinanza di un determinato luogo indicato dall’utente;
  • Profilazione completa dell’utente in relazione alla propria domanda/offerta lavorativa, al fine di ricevere notifiche push come alert di segnalazioni di apertura di nuove posizioni lavorative sulle tematiche di interesse dell’utente stesso;
  • UX/UI: progettazione di User Interface/User Experience;
  • Utilizzo di framework standard per mobile (che permettono di costruire le singole build per le varie piattaforme);
  • Possibilità di integrazione con altre piattaforme: interazione con i social network e sistemi di messaggistica interna, abilitazione a plug in di video chat;
  • Percorso di Gamification per gli utenti che attraverso specifici quiz li porti a visualizzare i profili e le vacancies più indicati rispetto all’oggetto della propria ricerca.

Entità e forma dell’agevolazione

Al termine della selezione, il team vincitore riceverà l’assegnazione dell’incarico per lo sviluppo dell’App con un grant di finanziamento di € 10.000. Il premio verrà erogato al momento della consegna dell’App funzionante e completa.

Scadenza

25.11.2015

Laboratorio start up: è on line il modulo per le iscrizioni

E’ da oggi disponibile il modulo di iscrizione per il Laboratorio Start up che inizierà il 4 dicembre, per tutte le informazioni scarica la brochure e leggi il nostro post precedente.

Per scaricare il modulo clicca qui.

Per informazioni scrivere a info@studioemmeemme.it

 

Lo Studio MM lancia Laboratorio Start Up

E’ tutto pronto per l’inizio del Laboratorio Start Up lanciato dallo Studio MM, un percorso articolato indirizzato a favorire la creazione di nuove imprese.

Il percorso è destinato a giovani e meno giovani che abbiano un’idea di business da sviluppare e si terrà nei giorni 4-9-11-16 dicembre 2015 presso il B&B Hotel Ospedaletto

Il laboratorio è strutturato in 4 step:

  • formazione;
  • redazione del Business Plan;
  • consulenza;
  • monitoraggio bandi.

Formazione

3 giorni di lezione di 4 ore ognuno sui seguenti moduli:

  1. creazione e attuazione dell’idea;
  2. le tecniche di base per sviluppare il proprio business;
  3. la presentazione dell’idea: il business plan.

Nei 3 giorni di formazione verranno date le nozioni necessarie a scegliere la forma giuridica più adatta alle proprie esigenze e a redigere il proprio Business Plan.

Durante ogni lezione verranno resi disponibili gli strumenti di lavoro in uso nello Studio (check list, calcolo costo del lavoro, calcolo carico fiscale, rendiconto finanziario, calcolo break even point etc.) per la redazione dei Business Plan.

I gruppi di partecipanti, oltre a formarsi, cominceranno a prendere dimestichezza con gli strumenti che costituiranno la base per la redazione del proprio Business Plan.

Redazione del Business Plan

Nel quarto giorno i partecipanti, utilizzando il proprio PC portatile, si misureranno con la redazione del proprio Business Plan in aula utilizzando, con il supporto di 2 risorse dello Studio MM, i file in uso allo Studio.

Consulenza

Successivamente alla chiusura del corso i partecipanti potranno usufruire di 1 ora di consulenza nella quale verrà valutato, insieme agli esperti dello Studio MM, il Business Plan redatto al fine di valutarne la fattibilità tecnica.

Monitoraggio bandi

Al termine del percorso verrà messa a disposizione gratuitamente, per 3 mesi, la banca dati agevolazioni dello Studio MM contenente oltre 1000 agevolazioni europee, nazionali, regionali e locali.

Quota individuale di partecipazione

La quota individuale da versarsi entro il 27/11/2015 è pari a 150,00 € (Iva compresa)

E’ applicato lo sconto del 15% per iscrizioni effettuate da due o più persone intenzionate a costituire insieme la futura impresa (in tal caso l’ora gratuita di consulenza sarà una sola), è applicato lo sconto del 15% per iscrizioni pervenute entro il 20/11/2015, i due sconti non sono cumulabili.

Scarica la brochure e iscriviti subito.

Per informazioni scrivere a info@studioemmeemme.it

Toscana Start Up: La Rivista dello Studio MM sullo start up d’impresa

Sono stati pubblicati nuovi articoli, leggili subito

View my Flipboard Magazine.

Toscana: contributo a fondo perduto fino all’80% per il sostegno delle attività di ricerca industriale e sviluppo sperimentale

Con il presente bando la Regione Toscana intende sostenere le attività di ricerca industriale e sviluppo sperimentale delle PMI, in attuazione della Linea di Intervento 1.6a) del POR CReO FESR 2007-2013 “Aiuti in conto capitale alle imprese per RST nelle tecnologie chiave abilitanti e nei settori ad alta tecnologia”.

Il bando finanzia attività di ricerca industriale e sviluppo sperimentale realizzati da Micro, Piccole e Medie Imprese del manifatturiero e dei servizi.

La dotazione finanziaria disponibile è pari a 960.937,983 euro.

Soggetti beneficiari

Possono presentare domanda Micro, Piccole e Medie Imprese (MPMI).
Le imprese devono esercitare, nel territorio della Regione Toscana, un’attività identificata come prevalente rientrante in uno dei seguenti Codici ATECO ISTAT :
B – Estrazione di minerali da cave e miniere;
C – Attività manifatturiere;
D – Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata;
E – Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione dei rifiuti e risanamento;
F – Costruzioni;
G – Commercio all’ingrosso e al dettaglio; riparazione di autoveicoli e motocicli, ad esclusione delle categorie 45.11.02, 45.19.02, 45.31.02, 45.40.12 e 45.40.22 e del gruppo 46.1;
H – Trasporto e magazzinaggio, ad esclusione della classe 49.41

I – Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione;
J – Servizi di informazione e comunicazione;
M – Attività professionali, scientifiche e tecniche;
N – Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese;
P – Istruzione, limitatamente alla classe 85.52;
Q – Sanità e assistenza sociale, ad esclusione del gruppo 86.1;
R – Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento;
S – Altre attività di servizi, ad esclusione della divisione 94;

Tipologia di spese ammissibili

Con il presente bando si intendono sostenere le attività di ricerca industriale e sviluppo sperimentale delle imprese realizzate sul territorio della Regione Toscana nell’ultimo esercizio contabile chiuso e approvato in data precedente a quella di presentazione della domanda di aiuto e risultanti da bilancio.

I costi riguardano:

a) le spese di personale: personale impiegato in attività di innovazione in possesso di adeguata qualificazione (laurea di tipo tecnico-scientifico o esperienza almeno quinquennale nel campo della ricerca e sviluppo) e personale impiegato in attività di produzione nei limiti del 35% delle spese del personale di ricerca; si tratta pertanto di personale dipendente impiegato a tempo
indeterminato o determinato, presso le strutture dell’impresa finanziata con sede di lavoro stabile sul territorio toscano.
b) costi degli strumenti e delle attrezzature nella misura e per il periodo in cui sono utilizzati per il progetto di ricerca. Se gli strumenti e le attrezzature non sono utilizzati per tutto il loro ciclo di vita per il progetto di ricerca, sono considerati ammissibili unicamente i costi di ammortamento corrispondenti alla durata del progetto di innovazione, calcolati secondo i principi della buona prassi contabile;
c) costi della ricerca contrattuale, delle competenze e dei brevetti, acquisiti o ottenuti in licenza da fonti esterne alle normali condizioni di mercato, così come i costi dei servizi di consulenza e di servizi equivalenti utilizzati esclusivamente ai fini dell’attività di ricerca.

Entità e forma dell’agevolazione

Gli aiuti per la realizzazione dei progetti di investimento sono concessi nella forma del contributo in conto capitale, nella misura massima dell’80% della spesa per le microimprese, del 70% della spesa per le piccole imprese e del 60% della spesa per le medie imprese.

Scadenza

E’ possibile presentare domanda a partire dalle ore 9.00 del 01/10/2015 e fino alle ore 17.00 del 20/10/2015.

Lo Studio MM su www.sentieridigitali.it

Segnaliamo con estremo piacere l’articolo dal titolo “Studio MM: le startup hanno il loro commercialista” appena uscito su www.sentieridigitali.it E-Magazine di Creatività e Tecnologia per la Comunicazione d’Impresa.

Per leggere la rivista l’articolo clicca qui