Horizon 2020: contributo a fondo perduto fino al 60% promosso dal MISE per progetti di ricerca e sviluppo in ambito tecnologico.

L’intervento del Programma operativo nazionale Imprese e competitività 2014-2020 FESR in favore di progetti di ricerca e sviluppo negli ambiti tecnologici identificati dal Programma quadro di ricerca e innovazione Orizzonte 2020.

La dotazione  finanziaria è di 180 milioni di euro, di cui 150 milioni di euro per i progetti di ricerca e sviluppo realizzati nelle regioni meno sviluppate (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia) e 30 milioni di euro per i progetti di ricerca e sviluppo realizzati nelle regioni in transizione (Abruzzo, Molise e Sardegna) a valere sull’Asse I, Azione 1.1.3. del Programma Operativo Nazionale “Imprese e competitività” 2014-2020 FESR.

Soggetti beneficiari

Possono beneficiare delle agevolazioni di cui al presente decreto i seguenti soggetti:

a) le imprese che esercitano attività , ivi comprese le imprese artigiane di produzione di beni;

b) le imprese agro-industriali che svolgono prevalentemente attività industriale;

c) le imprese che esercitano le attività ausiliarie;

d) centri di ricerca con personalità giuridica.

Possono beneficiare delle agevolazioni anche i seguenti soggetti:

a) Organismi di ricerca;

b) Liberi professionisti;

c) Spin-off.

Tipologia di progetti ammissibili

I progetti ammissibili alle agevolazioni devono prevedere la realizzazione di attività di ricerca industriale e di sviluppo sperimentale, finalizzate alla realizzazione di nuovi prodotti, processi o servizi o al notevole miglioramento di prodotti, processi o servizi esistenti, tramite lo sviluppo delle tecnologie, riconducibili alle aree tematiche individuate dalla Strategia nazionale di specializzazione intelligente.

Per saper quali spese sono ammissibili alle agevolazioni del bando scrivici utilizzando l’apposito form.

Entità e forma dell’agevolazione

a) per i costi e le spese relative alle attività di ricerca industriale:

variabile in base alla natura giuridica, da un minimo del 47% ad un massimo del 60% (per sapere le percentuali massime secondo la propria natura giuridica scrivici utilizzando l’apposito form).

b) per i costi e le spese relative alle attività di sviluppo sperimentale:

variabile in base alla natura giuridica, da un minimo del 15% ad un massimo del 35% (per sapere le percentuali massime secondo la propria natura giuridica scrivici utilizzando l’apposito form).

Scadenza

La domanda di agevolazioni e la documentazione devono essere redatte e presentate a partire dal 17 ottobre 2016.

Se vuoi saperne di più visita la nostra banca dati bandi.studioemmeemme.it o contattaci utilizzando l’apposito form.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.