Start Up: Europa primo continente per numero di acceleratori

Secondo lo “European Accelerator Report 2015” in Europa ci sono 113 acceleratori contro i 111 di Stati Uniti e Canada. Nel 2015 sono stati investiti oltre 37 milioni di euro in più di duemila progetti imprenditoriali innovativi. Tra le venti realtà più attive l’unica italiana è H-Farm

Entrare in un percorso di accelerazione per una start up può significare svoltare, mentorship, finanziamenti e network fatti su misura messi a disposizione dalla maggior parte degli acceleratori sparsi in giro per l’Europa, possono permettere alle più promettenti di scalare verso il mercto.

Dal rapporto emerge che nel 2015 sono nati ben 26 acceleratori.

Grazie all’impennata dell’anno passato, l’Europa diventa quindi la prima regione al mondo per numero di acceleratori, 113, superando Stati Uniti e Canada fermi a 111 e con appena quindici nuove realtà inaugurate lo scorso anno. Più nel dettaglio, i capitali investiti nel 2015 hanno raggiunto quota 37,53 milioni di euro -– in lieve calo rispetto ai 39,57 del 2014 – mentre 2.574 progetti sono stati finanziati (in crescita a confronto dei 1.588 del 2014). A guidare la classifica degli investimenti, come era lecito aspettarsi, è la Gran Bretagna: con i suoi 9,99 milioni di euro distribuiti a 1.124 startup, precede la Danimarca con 4,82 milioni su 57 società e la Spagna con 4,65 mln investiti in 263 realtà imprenditoriali innovative. Al quinto posto l’Italia con 2,90 mln (73 progetti) preceduta della Germania con 3,29 mln (126 progetti).

Se vuoi saperne di più visita la nostra banca dati bandi.studioemmeemme.it o contattaci utilizzando l’apposito form.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.