Contributo a fondo perduto fino al 100% per attività di formazione rivolte alle imprese colpite dagli effetti della crisi economica

Il presente avviso finanzia:
interventi di formazione continua rivolta a lavoratori di imprese che hanno sottoscritto accordi di solidarietà;
interventi di formazione continua di soggetti destinati all’assunzione presso imprese in forza di accordi sindacali e per la riqualificazione di lavoratori di imprese che attuano programmi di riconversione produttiva.
Soggetti beneficiari
I progetti possono essere presentati ed attuati da un singolo soggetto oppure da una associazione temporanea di imprese o di scopo (ATI/ATS) costituita o da costituire a finanziamento approvato.
Nel caso in cui il soggetto proponente sia un Consorzio che intenda avvalersi di consorziati per la realizzazione di attività del progetto deve individuarli in sede di candidatura.
Sono destinatari dell’AZIONE 2:
Tipologia A
Disoccupati, cassaintegrati, lavoratori in mobilità, lavoratori provenienti da imprese in crisi ed eventualmente sotto tutela di ammortizzatori sociali, che vengono assunti – a seguito di accordo sindacale – a tempo indeterminato da imprese, comprese quelle che attuano programmi di reindustrializzazione.

Tipologia B
Lavoratori di imprese in crisi che attuano programmi di riconversione produttiva, anche nel caso in cui gli stessi lavoratori siano sotto tutela degli ammortizzatori sociali.
Tipologie di interventi ammissibili
Sono ammissibili i progetti che prevedono una delle azioni tra quelle sotto previste:
AZIONE 1. Interventi di formazione continua rivolti ad imprese in cui siano stati sottoscritti contratti di solidarietà.
AZIONE 2. Interventi di formazione, supportata da accordi sindacali, di soggetti coinvolti da processi di ristrutturazione aziendale nonchè in aree e settori in crisi.
Tipologia A)
Sono ammissibili i piani formativi diretti alla riqualificazione, alla qualificazione o all’aggiornamento di soggetti, ivi compresi lavoratori provenienti da imprese in crisi ed eventualmente sotto tutela di ammortizzatori sociali, destinati all’assunzione nell’impresa destinataria, ovvero le imprese che attuano programmi di reindustrializzazione.
Sono previsti i seguenti requisiti:
deve essere prevista l’assunzione a tempo indeterminato e relativa informazione, di un numero di lavoratori non inferiore a 10;
la formazione può essere propedeutica o successiva all’assunzione;
azioni rivolte ad occupati non neoassunti purchè la loro presenza nel piano formativo non abbia carattere di prevalenza in termini di numero di destinatari e di ore di formazione.
Tipologia B)
Sono previsti piani formativi finalizzati alla riqualificazione di lavoratori di imprese in crisi, comprese quelle appartenenti al settore dei servizi, che attuano programmi di riconversione produttiva, anche nel caso in cui gli stessi lavoratori siano sotto tutela degli ammortizzatori sociali. Il programma di riconversione produttiva deve prevedere la riqualificazione di almeno 10 lavoratori.
Entità e forma dell’agevolazione
AZIONE 1. 750.000,00 €
AZIONE 2. 2.500.000,00 €
I progetti riferiti all’AZIONE 1 sono finanziabili per un importo non superiore a € 500.000,00 e non inferiore a € 100.000,00.
I progetti riferiti all’AZIONE 2 sono finanziabili per un importo non superiore a € 500.000,00 e non inferiore a € 100.000,00.
Nel caso di Aiuti di Stato, il contributo massimo dipende dal regime di aiuto che sarà scelto dal soggetto attuatore e precisamente:
in caso di de minimis: 100% del costo del progetto per l’azione 1; per l’azione 2 permane l’obbligo di cofinanziamento a carico dei provati in misura non inferiore al 20%;
in caso di aiuti alla formazione le percentuali massime di contributo sono:
grande impresa 50%
media impresa 60%
piccola impresa 70%
Scadenza
I progetti possono essere presentati entro e non oltre il 31/03/2015.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.